Bruxelles non sa quale paese o compagnia pagherà in rubli per il gas russo


La Commissione europea non sa quali paesi dell’UE o società di questi paesi pagheranno in rubli per il gas russo, secondo la richiesta di Mosca. Prima di una riunione dei ministri dell’energia dell’Unione, il commissario europeo Kadri Samson ha detto ai giornalisti di aver affermato che il 27enne intendeva pagare il gas in euro o dollari in base al contratto esistente. Prima della riunione straordinaria di Bruxelles, alcuni ministri hanno confermato l’attuale posizione del loro Paese, che esclude i pagamenti in valuta russa.

Il ministro dell’Ambiente polacco Anna Moskw ha affermato che il suo paese aveva ancora riserve sufficienti dopo la disconnessione dal gas russo e stava lavorando allo stoccaggio completo prima dell’inverno.

I ministri si sono incontrati oggi in modo straordinario, soprattutto a causa della mossa russa della scorsa settimana, quando la compagnia del gas Gazprom ha smesso di rifornire Polonia e Bulgaria delle principali fonti energetiche, le cui compagnie si sono rifiutate di pagare in rubli. Secondo alcuni media, alcune società hanno promesso di aprire conti nelle banche russe o di considerare pagamenti in rubli nel tentativo di mantenere le forniture di gas russe. Tuttavia, secondo la commissione, si tratterebbe di una violazione delle sanzioni anti-russe adottate dall’UE in risposta all’aggressione russa in Ucraina.

La Commissione non ha informazioni su alcuna società statale o privata che desideri farlo,“Il commissario per l’Energia Samson ha detto oggi sul pagamento del rublo.

I ministri lo vogliono sentire oggi per una spiegazione più dettagliata della violazione delle sanzioni da parte dell’azienda e di ciò che è ancora in linea con le regole. Funzionari della Commissione hanno affermato la scorsa settimana che se la società avesse pagato in euro o dollari e la transazione fosse stata completata, la procedura sarebbe andata bene. Tuttavia, se il pagamento viene effettuato solo dopo che il denaro è stato trasferito sul secondo conto in rubli, sarà penalizzato.

Prima dell’incontro, i rappresentanti del governo hanno spiegato che il loro paese non voleva cambiare nulla dell’attuale sistema e non avrebbe accettato pagamenti in rubli.

Siamo completamente al sicuro e chiediamo ad altri paesi di non sostenere la decisione di Putin (il presidente russo Vladimir) e l’obbligo di pagare in rubli,“I suoi colleghi di altri paesi dell’UE hanno detto la stessa cosa”. L’unico paese che finora ha mostrato la propria disponibilità a pagare in valuta russa è l’Ungheria.

Fonte: Reuters, CTK

Leggi di più

  • 24Il broker di opzioni non può operare in Francia

    Uno dei maggiori broker per il trading di opzioni binarie, 24Option, è stato bandito dall’operare in Francia…
  • Broker 247 Option Trading licenza falsa

    Binary Options Broker 247 Options Trade, che offre i suoi servizi attraverso il sito web www.247optionstrade.com, ha contraffatto la sua licenza con la Mauritius Financial Services Commission (FSC) e con la Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC).
  • Il broker ha riacquistato la licenza

    L’autorità di regolamentazione finanziaria cipriota Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC) ha revocato le sospensioni delle licenze alle società di intermediazione Leadtrade Ltd, TTCM Traders Trust Capital Markets Ltd e Dragon Options Ltd.
  • I broker FXBrokerPro e Lead Options hanno licenze false

    L’autorità di regolamentazione finanziaria del Belize International Financial Services Commission of Belize (IFSC) ha avvertito due broker che avevano licenze di investimento false.
  • Bruegel: L’interruzione dell’approvvigionamento di gas della Russia avrà gravi ripercussioni sull’economia dell’UE

    L’UE sarà in grado di far fronte a interruzioni a breve termine in tutte le forniture di gas della Russia. Tuttavia, ciò avrà gravi conseguenze economiche e richiederà misure di emergenza per ridurre la domanda. Ciò risulta dall’analisi Bruegel dell’Istituto di Bruxelles, a cui ha fatto riferimento oggi la Reuters.
  • Bruxelles e Londra non hanno ancora annunciato un accordo sulle relazioni Regno Unito-UE

    Se entro fine mese non raggiungeranno un accordo globale sulle loro relazioni, Gran Bretagna e Unione Europea potrebbero dichiarare una serie di “mini-accordi”. Secondo il Daily Telegraph, lo ha affermato il ministro britannico Michael Gove. I negoziati su una nuova partnership seguiranno alle dichiarazioni dietro le quinte pochi giorni prima della fine del periodo di transizione dopo l’uscita della Gran Bretagna dal blocco europeo a gennaio, con Londra che insiste sul fatto che l’UE dovrebbe ritirarsi. Il capo negoziatore dell’UE Michel Barnier ha affermato oggi che i colloqui hanno raggiunto un punto critico e stanno proseguendo.
  • Né Bruxelles né Londra credono nei primi progressi dei negoziati post-adesione

    Entrambe le parti nutrono poche speranze di progressi nei negoziati sulle future relazioni tra l’Unione europea e il Regno Unito nel prossimo ciclo di videoconferenze, che inizierà lunedì. Nonostante una serie di dichiarazioni pubbliche degli ultimi giorni, né Bruxelles né Londra hanno chiarito di essere disposte a scendere a compromessi su una delle aree chiave, che, anche quattro mesi dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’UE, hanno opinioni fondamentalmente diverse. Un consigliere del capo negoziatore dell’UE Michel Barnier ha affermato oggi che la riluttanza della Gran Bretagna a prolungare il periodo di transizione dovrebbe accelerare le cose durante l’estate.
  • Bruxelles per indagare sull’eccedenza commerciale della Germania

    La Commissione europea esaminerà se l’elevato surplus del commercio estero della Germania sconvolge l’equilibrio…
  • Bruxelles ha assegnato un trattato di investimento alla Cina per le sanzioni contro il ghiaccio

    A seguito delle sanzioni contro il ghiaccio, Bruxelles ha assegnato un accordo di investimento, concordato con la Cina alla fine dello scorso anno. Facendo riferimento alla dichiarazione odierna del vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis, ha riferito l’AFP.
  • Sia Bruxelles che Berlino credono che Atene manterrà la sua promessa

    Sia Bruxelles che Berlino hanno chiesto alla Grecia di attuare senza indugio le riforme promesse, anche se potrebbe …
  • Bruxelles ha chiesto all’Italia di spiegare il bilancio del prossimo anno

    Martedì la Commissione Europea ha chiesto all’Italia di spiegare perché stanno pianificando un budget molto più alto per il prossimo anno…
  • Bruxelles ha approvato il piano della Francia per sostenere le aziende con tre miliardi di euro a causa del virus

    La Commissione Europea (CE) ha approvato il piano francese per sostenere le imprese colpite dalla pandemia per tre miliardi di euro (76 miliardi di CZK). La commissione ha affermato oggi che la proposta è in linea con le norme sugli aiuti di Stato, che la commissione ha allentato la scorsa primavera per aiutare i governi a sostenere le aziende colpite dalla pandemia.
  • Bruxelles ha approvato un piano francese per aiutare le aziende colpite dalla pandemia

    La Commissione europea (CE) ha approvato oggi l’intenzione della Francia di utilizzare fino a 20 miliardi di euro (circa 524 miliardi di CZK) di denaro di investitori privati ​​per aiutare le aziende colpite dalla pandemia di coronavirus. Il programma presuppone che i cosiddetti prestiti e obbligazioni partecipative saranno utilizzati per l’assistenza. Il governo francese garantirà fino al 30 per cento dei prestiti e dei debiti subordinati che le società private incorreranno.
  • Bruxelles rischia di agire contro l’Italia per il suo debito

    È probabile che la Commissione Europea avvii un’azione disciplinare contro l’Italia mercoledì prossimo per il suo crescente debito, in violazione delle regole dell’Unione Europea. Secondo Reuters, lo hanno affermato oggi due funzionari anonimi della zona euro.
  • Bruxelles chiede all’Italia di spiegare le sue finanze

    La Commissione europea ha inviato oggi una lettera all’Italia chiedendo al governo di spiegare lo stato di deterioramento delle finanze pubbliche italiane. Lo ha detto a Reuters un anonimo funzionario dell’Unione Europea. L’invio della lettera potrebbe aprire la strada a procedimenti disciplinari contro l’Italia, che potrebbero teoricamente comportare una sanzione di circa 3,5 miliardi di euro (circa 90,5 miliardi di CZK).
  • La crisi del debito nella zona euro sta frenando la Germania?

    La crisi del debito sta frenando la crescita economica della Germania e il motore più forte dell’economia europea finora sta iniziando a rallentare.
  • Il destino della Slovenia sarà presto deciso

    Le prossime settimane saranno molto importanti per la Slovenia e al suo interno si deciderà se il paese debba presentare domanda per …
  • Inflazione di marzo inferiore alle attese della CNB

    L’inflazione su base annua di marzo è stata di 0,2 punti percentuali inferiore rispetto alle previsioni della Banca nazionale ceca. Lo ha affermato oggi il direttore degli affari monetari della CNB, Petr Král. La ragione di questa differenza è principalmente l’effetto di variazioni delle imposte indirette inferiori al previsto. Ciò è correlato al trasferimento delle accise sui prodotti del tabacco ai prezzi delle sigarette in una data successiva. Secondo i dati odierni dell’Istituto statistico ceco, a marzo l’inflazione su base annua è scesa al 3,4%.
  • Inflazione di marzo superiore di 0,3 punti rispetto alle attese della CNB

    L’inflazione su base annua di marzo è stata di 0,3 punti percentuali superiore alle previsioni della Banca nazionale ceca (CNB). La ragione della differenza è principalmente l’andamento dei prezzi del carburante. Lo ha affermato oggi il direttore degli affari monetari della CNB, Petr Král. Secondo i dati odierni dell’Istituto statistico ceco, a marzo l’inflazione su base annua è salita al 2,3%.
  • L’inflazione su base annua del 12,7% di marzo è stata significativamente superiore alle previsioni della CNB

    L’inflazione su base annua di marzo è stata di 2,9 punti percentuali superiore alle previsioni della Banca nazionale ceca (CNB) a febbraio. Il motivo principale è il significativo aumento dei prezzi del carburante. Un altro motivo è la maggiore crescita dei prezzi alimentari e la regolamentazione dei prezzi. Anche l’inflazione core è stata superiore alle attese, vale a dire inflazione destagionalizzata, variazioni dei prezzi regolamentati e tasse. Lo ha affermato oggi il direttore degli affari monetari della CNB, Petr Král. L’inflazione su base annua nella Repubblica Ceca è salita al 12,7% a marzo. Questo è il valore più alto dal maggio 1998 che ha raggiunto il 13 per cento.

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.