Antonis Sykaris: il principale alpinista greco ucciso in Nepal

Viene ucciso Antonis Sykaris, uno dei più grandi scalatori greci di tutti i tempi. Secondo la sua pagina Facebook, “purtroppo è successo il peggio che potesse capitare a una spedizione alpinistica.

Antonis perse la vita mentre scendeva dall’alto.

Scenario politico: “Ma non c’è governo senza il primo partito”

A un’altitudine di 7.400 m, molto vicino al campo 3 alle 4:00 ora del Nepal, dopo un grande sforzo fisico e mentale e la mancanza di ossigeno supplementare”.

Il suo ultimo post rabbrividì

Antonis Sykaris ha pubblicato sulla sua pagina meno di 24 ore fa. La terribile notizia riguarda Hermes Theofanis Theocharopoulos che ha perso la vita a Tzoumerka. Ma non solo. Antonis Sykaris ricorda anche Nikos Papandreou e Babi Tsupra, morti molti anni fa sull’Himalaya.

In esso afferma che: “Oggi, 11 aprile 2022, alle 12:50 del Nepal ero in cima al Dhaulagiri 8.167 metri.

Voglio dedicare questo capo:

A Nikos Papandreou e alla sua famiglia.

A Babis Tsoupras e alla sua famiglia.

E per Hermes – Theophanis Theocharopoulos.

Voglio ancora dedicare questa vetta a tutti i greci, a tutti gli alpinisti e alla mia piccola Iris, mia nipote.

Affettami, sono in cima!!!

“pa” è in cima!!!

Grazie a tutti i miei amici e conoscenti che mi hanno supportato attraverso i social e mi hanno aiutato a raggiungere la vetta!

Grazie a loro ce l’ho fatta!!!

Vi amo tutti!!!”.

Chi è Antonis Sykaris?

Antonis Sykaris era un eminente alpinista greco con risultati “sorprendenti”, ma questo non ha fermato il suo desiderio di nuove grandi imprese. “Solo durante la spinta finale, l’ultimo tentativo di vetta, cioè il corpo “consuma” 40.000 calorie nelle poche 24 ore in cui sali sull’aereo. Una tale scalata è una lotta con il tuo stesso essere, perché il tuo il cervello ti manda un messaggio per tornare, quando lì affronti le difficoltà della montagna, è allora che l’amore per “sopra” deve trionfare su questi messaggi del corpo”.

Con queste parole ha descritto nel gennaio 2022 lo sforzo eccessivo di uno scalatore, l’unico greco a partecipare alla missione invernale internazionale 2020/21 al K2 a 8611 metri, una salita che ha sconvolto la comunità mondiale.

Grande obiettivo

Per l’unico greco ad aver scalato 5 delle 14 vette oltre gli 8.000 metri, il nuovo anno ha portato una nuova via sulla strada per la grande destinazione, diventando il primo greco a calpestare le 14 vette più alte del mondo (oltre 8000 metri) , completando quello che è stato definito il Grande Slam dell’alpinismo, e la prima persona al mondo a scalare tutte queste vette oltre i 55 anni.

Lo scalatore ha anche in programma di diventare la prima persona al mondo a scalare le “82 vette X 4.000+ metri” nelle Alpi. In questo periodo anche quando era in Grecia cercava ancora quanto più tempo possibile, per stare “…in montagna, nel suo “parco giochi”, dove si sentiva sempre felice, “come un bambino”, come ha commentato parlando alla stazione radio APE-MPE “Agente 104.9 FM”.

“La vita come un’avventura” e il 2022 con sei “otto” picchi

“Questa vita, la vita che ho vissuto per 32 anni, è tutta un’avventura, quindi non voglio smettere di viverla e molti di questi momenti arriveranno nel 2022”, aggiunge il climber che ha iniziato i suoi preparativi in ​​ambiente alpino con una missione sulle Alpi, nel nord Italia, nei primi 10 giorni di gennaio.

Quindi, l’11 gennaio, Elbrus, una delle Sette Cime, pianifica un’azione sulle montagne del Caucaso e sulla vetta più alta d’Europa – una delle Sette Cime – una “escursione invernale in cui i greci non sono mai stati” con i suoi compagni di cordata. Thomas Davarinos, alpinista dell’Agrafa Mountaineering Association e Paris Korgietis di Ioannina.

Antonis Sykaris sarà poi in Norvegia a metà febbraio, mentre il 5 aprile intraprenderà “un lunghissimo viaggio per continuare a conquistare le vette sopra gli 8000 metri, un tentativo di conquistare le restanti nove su 14”.

L’inizio di questo sforzo è stato con Dhaulagiri 8167 metri e Makalu 8485 metri in Nepal. Seguirà la 3a missione in Pakistan, la Peak Area di 8.051 metri e la 4a missione nel K2 coprendo un’area di 8611 metri, mentre nel 2022 è prevista la conclusione con la 5a missione a Cho oyu coprendo un’area di ​​8188 metri e la 6a missione a Shishapangma alta fino a 8.027 metri. , questa volta in Cina. Il suo obiettivo per l’impresa di quest’anno è finire in autunno, con lo scalatore esperto che stima che tornerà in Grecia entro la fine di ottobre 2022.

“Farò del mio meglio”

“Attraverso questo incredibile viaggio, spero di ottenere molto successo, mentre il meglio, il meglio è raggiungere tutte e sei le vette, cosa che ovviamente è molto difficile, anche se farò del mio meglio. Comunque, speranza, amore per questo…. “Il mio parco giochi, la montagna, continuerà!”, commenta.

Infatti, poiché aveva iniziato i suoi preparativi poco prima dell’inizio della nuova escursione, Antonis Sykaris ha gentilmente rifiutato alcuni deliziosi piatti di Salonicco e ha spiegato che era impossibile rilassarsi eccessivamente dal punto di vista nutrizionale dalla tavola festiva perché il programma speciale non “consentiva esso”. Ma perché tanta completezza? “I dolci delle feste e molto cibo in generale possono aggiungere un grasso viscerale inaccettabile perché la resistenza assoluta è così importante, come si comprende a queste altitudini”, spiega.

Scala montagne e montagne tutto l’anno

La sua preoccupazione per la montagna, la sua devozione, erano ormai costanti. Due allenamenti giornalieri, corsa, ciclismo, arrampicata su roccia e ghiaccio, potenziamento in palestra e crossfit, dieta. L’alpinismo ora è un lavoro a tempo pieno senza essere un “professionista”, perché non ci guadagno niente. Adesso è la mia vita…”, ha risposto Antonis Sykaris, alla domanda sul suo programma di preparazione in Grecia prima dell’arrampicata completa nel 2022.

Nei suoi 32 anni di vita alpinistica ha scalato con successo 169 vette all’estero e ha intrapreso 65 missioni alpinistiche in 18 paesi del mondo (Albania, Argentina, Francia, Georgia, Svizzera, Tibet, Iran, Italia, Canada, Kenya, Cina, Kirghizistan, Marocco, Nepal, Pakistan, Perù, Russia, Tanzania), nel frattempo hanno camminato nelle Alpi, così come nelle Ande, Himalaya, Karakorum, Montagne Rocciose canadesi e Pamir. Ha scalato 63 vette al di sopra dei 4000 m nelle Alpi, mentre ha anche condotto molte importanti spedizioni alpinistiche dal 1996 ad oggi, l’ultima per l’Annapurna, 8091 metri di vetta, in Nepal, nel 2021.

Il momento più difficile che un climber greco abbia vissuto finora nella sua carriera è stato registrato nel 2021 e al K2, una missione che è diventata la prima pagina del mondo intero. “La perdita di un compagno di cordata è sempre uno shock. Quello che ho vissuto quando eravamo lì lo scorso inverno sono stati 22 alpinisti provenienti da diverse parti del mondo e tutti e cinque hanno perso la vita, come se fosse un evento scioccante. Sono persone che ho so dalle precedenti salite, ho vissuto su questa montagna, le persone smarrite sono vicino a me, di fronte a me e questa è un’esperienza che ti stigmatizza…”, ha ammesso Antonis Sykaris.

scalatore e! Nonno!

L’atleta greco è membro dell’Associazione degli alpinisti greci SEO e della Federazione ellenica di alpinismo e arrampicata EOOA dal 1991, il 29° atleta selezionato dalle principali marmotte di montagna europee nel mondo, membro del Team dei 100 mentori e, quando preme in Relatore greco in aziende, università, eventi come TEDx con il ruolo di speaker ispiratore-motivazionale, ma ha sempre la Grecia sul petto.

Con 607 vie di alpinismo e arrampicata in Grecia e all’estero, scalata con successo a 63 vette oltre i 4000 metri e 50 vette oltre i 3000 metri e 29 vette oltre i 2000 metri, nato nel maggio 1962, padre di Violeta e Giannis e nonno della piccola Iris, Antonis Sykaris , sottolinea più volte che nulla è così sorprendente come quando srotola la bandiera greca raggiungendo la vetta: “Voglio vedere ovunque mi trovi, climber greco!

Sono orgoglioso di questo e voglio diffondere che un greco vuole essere la prima persona al mondo a scalare tutte le 14 “otto” vette e le 82 vette oltre i 4000 metri all’età di 55 anni. Voglio, dal momento in cui la obiettivo diventa realizzabile, sapere che questo è quello che ha fatto un greco”, ha concluso l’atleta alpinista.

Epatite: cosa sappiamo e cosa non sappiamo sull’epidemia nei bambini

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.