Altre due navi con prodotti agricoli lasciano i porti ucraini

Rinnovare: 08/08/2022 21:24
Rilasciato da:

Kiev/Ankara – Altre due navi con prodotti agricoli hanno lasciato oggi i porti ucraini. Lo ha riferito il ministero della Difesa turco. Ciò è avvenuto in base all’accordo sul blocco dei porti ucraini, firmato a luglio da Ucraina, Russia, Turchia e Nazioni Unite. Un totale di dieci navi mercantili sono salpate dall’Ucraina dalla scorsa settimana, secondo i registri di Reuters.

Secondo il ministero turco, la nave Sacura che trasportava 11.000 tonnellate di semi di soia ha lasciato i porti del sud e si è diretta verso l’Italia. La nave dell’Arizona ha lasciato Chernomorsk con 48.458 tonnellate di grano per il trasporto a Iskenderun, nel sud della Turchia. Domenica, quattro navi che trasportano un totale di quasi 170.000 tonnellate di grano e altri prodotti agricoli sono salpate dal porto ucraino del Mar Nero.

Nel frattempo, la Polarnet, partita venerdì dall’Ucraina, è arrivata a destinazione in Turchia, dove verrà scaricata, completando la sua prima spedizione da quando sono riprese le esportazioni di prodotti agricoli ucraini la scorsa settimana.

Razoni, il primo a lasciare l’Ucraina, sarebbe dovuto arrivare in Libano domenica, secondo Reuters, ma attualmente è ancorato al largo della costa meridionale della Turchia.

Il problema è che un cliente privato in Libano si rifiuta di ritirare il mais ucraino a bordo della Razoni perché la consegna è stata ritardata di oltre cinque mesi, ha riportato sul proprio sito il quotidiano Ukrainska Pravda, citando l’ambasciata ucraina. Pertanto, i caricatori ora cercano altri acquirenti, sia in Libano che in altri paesi. Sia il governo libanese che le Nazioni Unite hanno preso le distanze dalla situazione, dicendo che è una questione di affari.

Secondo il ministero della Difesa turco, dal 1 agosto sette navi hanno esportato circa 243.000 tonnellate di mais dall’Ucraina. Su un’altra nave c’erano 11.000 tonnellate di semi di soia, 6.000 tonnellate di olio di girasole e 45.000 tonnellate di farina di girasole estratta.

Il ministero dei Trasporti ucraino ha riferito domenica che, per la prima volta dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, una nave destinata al trasporto di carichi sfusi battenti bandiera straniera è stata ancorata nel porto di Chornomorsk. Secondo lui, la nave Fulmar S è pronta per caricare le merci. La seconda nave diretta in Ucraina, la Osprey S, è stata ispezionata dalle autorità a Istanbul domenica e si è avvicinata all’Ucraina questa mattina, secondo Reuters.

Le Nazioni Unite e la Turchia stanno contribuendo a negoziare un accordo in una situazione in cui, a causa della cessazione delle esportazioni di prodotti agricoli ucraini a causa dell’aggressione russa, vi è una minaccia di carestia in diversi paesi africani, asiatici e mediorientali. Prima dell’inizio della guerra, sia l’Ucraina che la Russia erano tra i principali fornitori di grano e altri prodotti alimentari ai mercati mondiali.

Il trasporto attraverso il corridoio del Mar Nero è supervisionato da un centro di coordinamento congiunto a Istanbul, dove lavorano persone provenienti da Russia, Ucraina, Turchia e rappresentanti delle Nazioni Unite.

Turchia Russia La diplomazia ucraina combatte il trasporto alimentare di consegna del grano

Xaviera Spina

"Creatore di guai. Affamato di birra. Appassionato di caffè. Imprenditore incurabile. Secchione di viaggio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.