Allarme mondiale del vaiolo delle scimmie

La sua rapida diffusione ha causato l’allarme globale vaiolo delle scimmie. con l’Organizzazione Mondiale della Sanità per suona l’allarme -soprattutto in Europa- considerando l’estate.

Finora sono stati identificati casi in 11 paesi, tra cui Regno Unito, Germania, Australia, Italia, Francia, Canada e Stati Uniti.

Kato Patisia: Indagine urgente dei pubblici ministeri per impiccare un ragazzo di 12 anni

EODY: Nessun caso di vaiolo nelle scimmie in Grecia

Nel nostro Paese, finora, non ci sono casi sospetti di vaiolo delle scimmie, tuttavia, ha dichiarato in un annuncio l’Organizzazione nazionale della sanità pubblica (EODY), che è vigile e segue da vicino l’evoluzione dei casi in collaborazione con loro. agenzie di sanità pubblica, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

EODY sottolinea che, sulla base dei dati epidemiologici finora, il rischio per la popolazione generale è basso, poiché la malattia è generalmente lieve e autolimitante, con una trasmissione relativamente ridotta. Tuttavia, si consiglia ai residenti di seguire le istruzioni del proprio medico in caso di eruzioni cutanee insolite o lesioni cutanee.

Rapporto dell’ECDC la prossima settimana

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) prevede di pubblicare il suo primo rapporto di valutazione del rischio “all’inizio della prossima settimana”, ha affermato l’agenzia dell’Unione europea responsabile delle malattie e delle epidemie.

L’agenzia, che ha affermato di “monitorare da vicino la situazione”, ha raccomandato di “isolare e controllare i casi sospetti e segnalarli in modo tempestivo”.

Decine di casi sospetti o confermati di vaiolo delle scimmie sono stati identificati dall’inizio di maggio in Europa e Nord America, facendo temere che la malattia possa iniziare a diffondersi.

I casi sono più che raddoppiati nel Regno Unito

La Gran Bretagna, che ha segnalato casi per la prima volta dal 6 maggio, mercoledì pomeriggio ha aumentato il numero totale di persone infette a nove. Secondo il Times, altri 11 casi di vaiolo dovrebbero essere segnalati in un secondo momento dall’Agenzia di assicurazione sanitaria del Regno Unito.

Finora la maggior parte dei nove incidenti sono stati identificati a Londra. Si ritiene che tutti tranne uno dei primi pazienti a recarsi in Nigeria, dove la malattia è endemica, siano stati infettati sul suolo britannico, uno sviluppo descritto come “insolito”.

Il rapporto rileva che il forte aumento dei casi ha sollevato preoccupazioni nel governo del Regno Unito sul fatto che il virus che causa la malattia si stia diffondendo nel paese inosservato.

Spagna: su 21 casi confermati

L’epidemia sembra essere esacerbata in Spagna.

Lo stato dell’Iberia ha annunciato oggi altri 14 casi confermati, portando il numero totale di casi a 21, ha mostrato l’autorità sanitaria regionale di Madrid. Cinque casi sono stati identificati in Portogallo.

Tre casi in Italia

L’Ospedale delle Malattie Infettive Lazaro Spalaccani di Roma e un sobborgo della capitale italiana ha reso noto che nel Paese sono stati diagnosticati in totale tre casi di vaiolo. Secondo gli scienziati italiani, i due nuovi casi sono legati a “zero pazienti” diagnosticati positivi ieri, giovedì, al ritorno dalle Isole Canarie.

“Questa forma è caratterizzata da sintomi più lievi rispetto al vaiolo tradizionale. “Non dovrebbe essere motivo di allarme, ma bisogna stare attenti”, ha detto Francesco Vaia, direttore dell’ospedale Spalanzani, che ha aggiunto, secondo i dati fino ad ora, coloro che erano stati vaccinati contro il vaiolo non erano vaccinati contro il vaiolo rischioso, ma questo non significa che in questo momento verranno effettuate nuove vaccinazioni di massa.

Belgio: due casi grazie alle scimmie

Poco dopo l’annuncio della registrazione del primo caso di vaiolo in Belgio, è stato annunciato un secondo caso. Un secondo caso di vaiolo è stato registrato nel Brabante, in Belgio, secondo il virologo Mark Van Ranst. “Il secondo caso è stato diagnosticato ieri sera (giovedì) nel nostro laboratorio a Louvain su un campione di un uomo della regione fiamminga del Brabante”, ha detto Mark Van Ranst. I primi casi sono stati rilevati ad Anversa.

Due casi in Australia

Finora sono stati confermati due casi di vaiolo in Australia, uno a Melbourne e uno a Sydney. I due pazienti maschi, di età compresa tra i 30 ei 40 anni, sono viaggiatori rientrati da poco nel Paese, presentano sintomi lievi e sono in isolamento.

Due casi confermati in Canada

I primi due casi confermati di vaiolo nel Paese sono stati annunciati ieri dal servizio sanitario pubblico canadese, mentre le autorità del Quebec stanno indagando su 17 casi sospetti.

“Oggi la provincia del Quebec è stata informata che due campioni prelevati dal National Microbiology Laboratory sono risultati positivi al vaiolo delle scimmie. “Questi sono i primi due casi confermati in Canada”, ha affermato il Public Health Service Canada (PHAC) in una nota.

Primo caso negli Stati Uniti

I primi casi di vaiolo sono stati scoperti ieri negli Stati Uniti e più precisamente in Massachusetts. Un paziente è un maschio adulto, che è stato isolato presso il Northeastern United States General Hospital.

I funzionari affermano che al momento non ci sono rischi per la salute pubblica, ma la malattia potrebbe essere grave. Allo stesso tempo, stanno lavorando per identificare le persone che potrebbero essere state in contatto con il paziente.

Germania: primo caso identificato

La Germania ha rilevato il suo primo caso di vaiolo nelle scimmie, ha annunciato oggi il servizio medico delle forze armate tedesche.

“L’Istituto di microbiologia delle forze armate tedesche di Monaco ha ora rilevato inequivocabilmente il virus del vaiolo delle scimmie per la prima volta in Germania il 19 maggio 2022 in un paziente con ulcere cutanee caratteristiche”, ha affermato il Bavarian Patient Services in una nota.

Un caso in Svezia

Il primo caso confermato di vaiolo delle scimmie è stato rilevato in Svezia, hanno affermato giovedì i funzionari sanitari.

“Un caso di vaiolo nelle scimmie è stato confermato in una persona nell’area di Stoccolma”, ha affermato il servizio sanitario svedese in una nota.

La persona contagiata “non è gravemente malata, ma è stata curata”, hanno spiegato le autorità, affermando di non sapere ancora dove e come sia avvenuta l’infezione. Le autorità “stanno ora indagando con i centri regionali di controllo delle infezioni per vedere se ci sono più casi in Svezia”, ​​ha affermato.

Primo caso confermato anche in Francia

I primi casi confermati di vaiolo delle scimmie sono stati rilevati ieri nella regione dell’Ile-de-France, ha annunciato oggi la direzione generale della Salute francese. Si tratta di un uomo di 29 anni che non ha mai viaggiato prima in un Paese dove circola il virus, hanno chiarito le autorità sanitarie.

Incontro Mitsotaki-Biden: cosa discuteranno i due leader

Seguire in Google News ed essere il primo a conoscere tutte le novità

Ludovico Schiavone

"Analista incredibilmente umile. Giocatore. Organizzatore. Specialista estremo di zombi. Orgoglioso esperto di Twitter. Appassionato introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.